venerdì 10 luglio 2009

Novità in vetrina. Ma anche la merce è cambiata.

Piccola noterella di costume sull'intervista a Layla Pavone, boss di IAB in italia, su corriere.it.

Non è solo interessante in termini di contenuti.
Segna il punto della svolta. L'ultima volta che un presidente di assomunicazione, o uno dell'adci, è stato intervistato dal più prestigioso quotidiano italiano non se la ricorda nessuno. L'ultima volta che l'opinione di un creativo pubblicitario italiano è stata pubblicata con foto del personaggio sulla stessa carta, risale credo ad almeno 6 anni fa (se non ricordo male, era Marco Mignani).

Layla, che dio la benedica, adesso ci rappresenta. Dopo questa intervista, per l'universo mondo lei è la pubblicità italiana. A lei chiede parere una firma importante del giornalismo nazionale, il Pratellesi direttore del corriere digitale. E' giovane, è donna, pensa con la sua testa, è (pensa te!) perfino brava. Ovviamente, con queste caratteristiche controtendenza, nessuno l'ha candidata alle europee o al Ministero del Power Point. Meglio per noi, che possiamo vantarci con gli amici al mare di essere suoi colleghi.

Insomma, bello che i nostri prodotti professionali tornino in vetrina dopo lunga pausa (ve le ricordate le interviste a Emanuele Pirella o a Gavino Sanna? Anni 90). Ottimo che la merce non siano più gli spot intrusivi, ma il marketing delle conversazioni.

Adesso vediamo se i cambiamenti accelereranno, una volta per tutte.

1 commento:

Kiko Hattori Hanzo ha detto...

Ciao Pasquale, come stai? PAssavo di qui e.... HO CENSURATO IL MIO COMMENTO ... non sono in vena di commentare, solo di salutarti. Sei forte! ;)