lunedì 25 gennaio 2010

Johnny Walker. Ne abbiamo di strada da fare…


(Nuovo appuntamento su LatoB, per La comunicazione che vorrei, rubrica di Davide Boscacci, Direttore Creativo Associato JWT/RMG)


Mi sono imbattuto solo di recente in un film per il web di quasi sei mesi fa. Strano. Strano perchè solitamente attraverso segnalazioni di amici, liste, google reader e concorsi vari riesco a tenermi abbastanza aggiornato.
Questo invece mi è proprio scappato. E non solo a me a quanto pare. Si tratta di una produzione per Johnny Walker, agenzia BBH Londra, regia di Jamie Rafn.
Personalmente lo trovo un eccellente esempio di comunicazione e un magistrale esempio di acting. Robert Carlyle è a dir poco strepitoso nel reggere un piano sequenza di oltre cinque minuti. Il testo è un pezzo di copywriting di altri tempi. La regia essenziale ma perfetta. Nella sua semplicità, una produzione complicatissima che ha richiesto due giorni di shooting, alla ricerca del take perfetto.
Dura quasi 6 minuti. Trecentosessanta secondi in cui si parla solo di prodotto. Il sogno di ogni cliente, l'incubo di qualsiasi pubblicitario. Eppure si rimane lì, inchiodati dal primo all’ultimo.
Due considerazioni. La prima: ho evitato, volutamente, fin qui la parola virale. Perché questo film, pensato unicamente per il web, di sicuro non appartiene a quella categoria mentale tanto cara ai nostri committenti e spesso anche ad alcuni direttori creativi per la quale i virali devono essere per forza brevi, divertenti e low budget. Qui di soldi ne hanno spesi eccome, ma se date un occhio al numero di views capirete che forse ne valeva la pena e che questo è sì un signor virale.
Seconda considerazione: tra noi pubblicitari, ripeto, questo film non è girato. Non ne ha parlato nessuno. Molti blog esteri ne parlano come di un capolavoro. Qui da noi qualcuno storce il naso, qualcuno sminuisce. Non sembra cool, forse perché l’idea non è il solito salto triplo laterale.

Non so chi abbia ragione ma mi chiedo in fondo cosa sia la buona comunicazione se non qualcosa che stupisce, emoziona, informa, incuriosisce.

Davide Boscacci

2 commenti:

palladipelo ha detto...

grazie mille per questa segnalazione! sono quelle "visioni" che rendono migliore una giornata in agenzia, fra loghi da ingrandire e copy dettati dal cliente...
l'ho appena condiviso sul mio blog, nella speranza che faccia lo stesso effetto a qualcun altro.

davide ha detto...

grazie a te, palla! :)