giovedì 26 giugno 2008

Publicis Groupe lancia Viva Ki, nuova realtà per il digitale

E' stata presentata a Parigi oggi all’interno del ‘Digital Day’ la nuova iniziativa del Gruppo francese interamente dedicata al digitale che nasce dagli asset di Digitas, Starcom MediaVest, Denuo e ZenithOptimedia. Il nome deriva dalla parola 'Viva' che si richiama a 'vita' e 'Ki' che in oriente indica il flusso dell'energia a simbolo di una nuova frontiera nell'era digitale.

(Dalla nostra inviata a Parigi, Claudia Albertoni) "Una nuova realtà per aiutare i clienti a entrare nell'era digitale" è stata annunciata così, in occasione del 'Digital Day', in corso oggi, 25 giugno, a Parigi, il lancio di Viva Ki, la nuova iniziativa di Publicis Groupe interamente dedicata al digitale e alle sfide che pone quotidianamente. Come hanno spiegato Jack Klues e David Kenny , che della nuova realtà sono managing partners, Viva Ki nasce dagli asset di Digitas, Starcom MediaVest, Denuo e ZenithOptimedia , e rappresenterà, come ha dichiarato Kenny, "un partner che aiuterà le nostre agenzie ad ottenere migliori insight sui consumatori per realizzare lavori sempre più mirati e completi".

Il nome deriva dalla parola 'Viva' che si richiama a 'vita' e 'Ki' che in oriente indica il flusso dell'energia. Secondo il Chairman e CEO di Publicis Groupe Maurice Lévy (in foto), il Gruppo ha cercato un nome che simboleggiasse una nuova frontiera e una nuova soluzione nell'era digitale. VivaKi si caratterizza per quattro elementi essenziali: Scalabilità, Innovazione, Tecnologia e Talenti. Al centro della nuova struttura c'è il VivaKi Nerve Center che permetterà lo sviluppo di nuove tecnologie per i clienti e la condivisione delle risorse umane e tecnologiche specializzate fra le varie entità del Gruppo. Il riallineamento delle risorse e delle operazioni consentirà così di beneficiare delle economie di scala risultanti.

Digitas, Starcom MediaVest, Denuo e ZenithOptimedia continueranno a sviluppare soluzioni specifiche per ciascuno dei loro clienti, in un modo indipendente ma con il supporto del VivaKi Nerve Center e della Piattaforma di formazione del personale (Talent Development Platform) di VivaKi. David Kenny si concentrerà sulla individuazione dei vantaggi legati alle economie di scala (VivaKi Nerve Center, Talent Development Platform e Technology), Jack Klues sarà responsabile della crescita e dello sviluppo di specifiche soluzioni di marca. Laura Lang è stata nominata Ceo di Digitas in sostituzione di David Kenny. Starcom MediaVest, ZenithOptimedia e Denuo continueranno ad essere guidati dai loro attuali CEO Laura Desmond, Steve King, e Rishad Tobaccowala. Curt Hecht sarà a capo del VivaKi Nerve Center. Renetta McCann si occuperà dell'organizzazione e sviluppo della piattaforma per lo sviluppo del personale.

Il perchè dell'iniziativa è chiaro nelle parole con cui Maurice Lévy ha introdotto la giornata: "Assistiamo a una rivoluzione senza precedenti dovuta all'esplosione digitale. Vediamo che la società sta cambiando, così come cambiano i consumatori deve cambiare il nostro business model, così da poter trarre il massimo vantaggio da questa rivoluzione ed essere leader indiscussi. Noi non siamo più una società di servizi di marketing o 'advertising provider': operiamo nel business della creazione del valore. Ogni cosa che facciamo è mirata a creare valore per i nostri clienti e - conclude il Ceo - il digitale in Publicis è ormai intrinseco in tutto ciò che facciamo. Già oggi rappresenta il 18% delle revenue di Publicis Groupe e il nostro obiettivo è arrivare al 25% entro il 2010".

Sempre nell'ambito del 'Digital day' Publicis Groupe ha annunciato un accordo tra Yahoo e VivaKi (vedi notizia correlata) finalizzato a sfruttare la piattaforma mobile di Yahoo per aiutare i brand ad ampliare la loro audience e ottenere un più profondo engagement con gli utenti del mobile grazie a innovative advertising solutions. Le due società lavoreranno insieme anche per integrare gli attuali sistemi di media buying di Publicis Group con Rigth Media Exchange di Yahoo e con AMP! sempre di Yahoo quando possibile.

Nessun commento: