martedì 9 settembre 2008

E Polis: web, eventi e speciali, all'insegna della 'consistenza'

(Mazara del Vallo, Trapani) Il debutto in rete, l'aumento delle edizioni e della foliazione, la riorganizzazione della struttura redazionale e un maggior radicamento sul territorio: questi i nuovi progetti della testata, illustrati nella convention che ha visto la partecipazione di tutto lo staff. Alberto Rigotti, presidente di E Polis: "Occorre lavorare per rafforzare la 'dignità' e l''identità' della testata"

(Mazara del Vallo, Trapani. Dalla nostra inviata Serena Piazzi). L'autunno si annuncia ricco di novità per E Polis. Dopo la pausa estiva, rientro in grande stile per la testata, che ha dato appuntamento a tutto lo staff a Mazara del Vallo, per una convention della concessionaria PubliEPolis.

Nella splendida cornice dell'Hotel Kempinski, si è svolta una tre giorni di incontri atti ad informare la forza vendita e i soci delle prossime iniziative in cantiere. Ad illustrare i nuovi progetti, oltre al direttore Enzo Cirillo, Claudio Noziglia e Carlo Momigliano, rispettivamente presidente e Ad di PubliEPolis, Sara Cipollini , Ad di E Polis, e Alberto Rigotti, presidente di ABM Merchant , la società che da un anno controlla E Polis.

Quattro i punti chiave del nuovo piano editoriale 2008/2009: una nuova organizzazione della struttura redazionale, il passaggio alle 64 pagine, l'apertura di nuove edizioni e il lancio di E Polis Web.

"E Polis sta diventando sempre più giornale e sempre meno free press. Ora la struttura redazionale verrà resa più efficiente - ha spiegato Enzo Cirillo (nella foto a sx)- Rafforzeremo la redazione centrale di Cagliari e istituiremo delle apposite task force che avranno il compito di monitorare con attenzione il territorio di riferimento, tenendo d'occhio tutto ciò che vi accade. Intendiamo sfruttare al meglio la rete di collaboratori (circa 300, ndr), per raccogliere il maggior numero di informazioni. E' proprio grazie al contatto costante con il territorio, infatti, che si possono ottenere buoni risultati, non solo in termini di notizie, ma anche di contatti utili per la raccolta pubblicitaria".

"Proprio per dare risalto all'enorme mole di informazioni che i nostri collaboratori raccolgono quotidianamente - ha continuato Cirillo - abbiamo pensato di aumentare la foliazione da 48 a 64 pagine. In questo modo, le varie edizioni della testata saranno più ricche di informazione locale. Inoltre abbiamo deciso di lanciare, in collaborazione con Banzai, E Polis Web, la 18esima testata del gruppo, che sarà gestita da un'apposita redazione. Si tratterà di un vero e proprio portale, attivo da ottobre, in cui troveranno spazio altre notizie, così da valorizzare il più possibile il contributo della nostra squadra di collaboratori".

Ma le novità non finiscono qui. Nel suo intervento il direttore ha sottolineato anche l'importanza della creazione e sponsorizzazione di eventi, che possono rappresentare un vero e proprio 'valore aggiunto'. "Aumenteremo la nostra attività in questo senso e forniremo alla forza vendita ulteriore materiale su cui lavorare, tramite la creazione di speciali dedicati a vari argomenti. Il giornale, sviluppando un'approfondita conoscenza del territorio, può fornire un aiuto valido alla concessionaria. Se le due realtà lavorano in tandem, i risultati non possono che essere più brillanti".

In merito agli speciali, Cirillo ha spiegato ad ADVexpress: "Si tratterà di sei speciali a settimana, tra cui E Polis Bambini, un inserto dedicato alla Sanità e uno che parlerà invece di Beni Culturali".

Un panorama delle nuove edizioni è stato invece tracciato da Sara Cipollini, Ad di E Polis, che ha presentato anche il piano industriale della società. "Le aperture in programma entro il 2008 sono tre (Palermo, Genova e il Marche), mentre nel 2009 se ne aggiungeranno altre cinque (tra le quali figurano Trento, Trieste e Udine)", ha affermato la Cipollini.

Dunque, come aveva già anticipato ad ADVexpress Carlo Momigliano (vedi notizia correlata), E Polis passerà da 17 a 20 edizioni entro la fine dell'anno e saranno le Marche la misteriosa regione dell'Italia centrale a cui aveva accennato l'Ad di PubliEPolis. La prima edizione a debuttare sarà quella di Palermo (il lancio è previsto per il 6 ottobre) e questo spiega anche la scelta di organizzare la convention a Mazara del Vallo.

Interessanti i numeri esposti in merito a risultati e obiettivi. "Attualmente E Polis è il terzo quotidiano nazionale – ha spiegato la Cipollini – con 17 edizioni distribuite in 14.000 punti free e in 4.000 edicole e 600.000 copie certificate. Nel 2007 i ricavi pubblicitari sono stati di 17 milioni di euro e il bilancio si è chiuso in pareggio a 22.600 euro; abbiamo chiuso i primi 8 mesi del 2008 con 14 milioni di raccolta, l'obiettivo è chiudere l'anno con un totale di 27 milioni. Ciò vale a dire che nei restanti quattro mesi il fatturato pubblicitario dovrà essere di almeno 3,5 milioni di euro al mese. La società dovrà continuare a crescere, razionalizzando il più possibile i costi, anche nel 2009, in modo da estinguere completamente il debito pregresso e attestarsi su un fatturato pubblicitario di 4,5 milioni di euro al mese".

"Per ora – ha spiegato ad ADVexpress Claudio Noziglia (nella foto a sx), presidente di PubliEPolis – tra tutte le edizioni sono quelle di Milano e di Roma le più forti numericamente in termini di raccolta, tuttavia anche le testate del Triveneto, che vantano un alto grado di popolarità tra i lettori, e le due testate della Sardegna, le prime ad essere nate, ottengono degli ottimi risultati".

"Per quanto riguarda gli investitori – ha dichiarato ancora Noziglia – sono principalmente cinque le categorie merceologiche presenti sulla nostra testata: la grande distribuzione (in particolare con Esselunga), il settore della telefonia (soprattutto H3G e Vodafone), il settore bancario (Banca Popolare di Milano), quello della tecnologia (Fastweb) e quello delle auto (Bmw, Mercedes e Volkswagen).

Per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che E Polis si è posta, è indispensabile una buona dose di grinta e di determinazione. A infonderla a tutto il team ci ha pensato Alberto Rigotti (nella foto a dx), che controlla la società da un anno, e che con il suo intervento ha certamente voluto scuotere gli animi dei presenti.

Il presidente di ABM Merchant, società che opera soprattutto nel campo delle infrastrutture, dell'energia e delle telecomunicazioni, e che tra i progetti ha quello di aprire un'autostrada sotterranea a Milano e un'altra in India, ha affermato di avere a cuore le sorti di E Polis.

"Lo scenario che ci si presenta non è affatto positivo- ha affermato Rigotti – poiché caratterizzato da inflazione e recessione. Per questo è assolutamente necessario esplorare nuovi percorsi e impegnarsi più concretamente alla ricerca di soluzioni. E Polis dovrà lavorare in particolare per acquisire maggiore dignità e caratterizzarsi meglio, con un'identità più forte. Occorre migliorare ulteriormente i contenuti per essere più vicini al lettore, ma non solo. E' indispensabile che la testata acquisti più 'consistenza'. In che senso? Dobbiamo organizzare eventi sul territorio, feste per il lancio delle nuove edizioni, perchè i cittadini si sentano coinvolti a tutto tondo nelle iniziative che riguardano la testata. Non contano solo i numeri, E Polis deve essere a un tempo vita, partecipazione e informazione".

Il traguardo da raggiungere dunque è stato tracciato. Ora non resta che lasciare che la squadra si metta al lavoro, per far sì che si possa continuare a parlare di 'miracolo E Polis'.

tratto da advexpress.it

2 commenti:

enrico veronese, ex collaboratore culture venezia per epolis ha detto...

il miracolo di non pagare i collaboratori dal luglio 2007, per svariate migliaia di euro a testa

intanto nè il web nè altre redazioni nel 2008 sono state fatte

Anonimo ha detto...

il miraccolo di chiedere ai fotografi, come condizione per la continuazione della collaborazione, di firmare una scrittura privata in cui si prospetta il pagamento del 50% del credito del 2007 "a saldo e stralcio"...... "rinunciando ad intraprendere eventuali azioni giudiziarie nei confronti di E Polis.
Veramente.... non ci sono parole!